Leo Gullotta a Teatro con “Pensaci, Giacomino!” di Pirandello

Continua il tour teatrale dell’opera di Pirandello “Pensaci, Giacomino!” opera di Pirandello che vede tra gli attori principali Leo Gullotta.

Questo tuor ,con la regia di Fabio Grossi, ha toccato molti teatri italiani e Giovedì 14 Febbraio ha raggiunto anche Ferrara e nello specifico il Teatro Comunale De Micheli di Copparo, all’interno della rassegna di prosa.

Continua il tour teatrale dell’opera di Pirandello “Pensaci, Giacomino!” opera di Pirandello che vede tra gli attori principali Leo Gullotta. Questo tuor ,con la regia di Fabio Grossi, ha toccato molti teatri italiani e Giovedì 14 Febbraio ha raggiunto anche Ferrara e nello specifico il Teatro Comunale De Micheli di Copparo, all’interno della rassegna di prosa.

Tale opera nata nel 1915 diventata opera teatrale soltanto nel 2017, mantiene nonostante siano passati molti anni la propria attualità, poichè si basa su un problema del tutto attuale: il sentirsi imprigionato tra il suo bisogno di aiutare il prossimo e la società, che pensa a salvare le apparenze a discapito del bene altrui.

Proprio come il personaggio principale Prof. Toti ormai settantenne che si offre di sposare una ragazza rimasta incinta del suo fidanzato, che non sa come garantire una vita serena al nascituro, perchè possa godere della propria pensione e dell’eredità al momento della sua morte, concedendole inoltre di frequentare il fidanzato Giacomino.

Questo però lo porterà a scontrarsi con la società e con le famiglie degli stessi ragazzi, che non capiranno il vero intento dell’insegnante, ma lo accuseranno di aver dato scandalo.

Affianco a Leo Gullotta vediamo di Liborio Natoli, Rita Abela, Federica Bern, Valentina Gristina, Gaia Lo Vecchio, Francesco Maccarinelli, Valerio Santi e Sergio Mascherpa; le scene e i costumi sono di Angela Gallaro Goracci, le musiche di Germano Mazzocchetti, luci 
Umile Vainieri, regista assistente Mimmo Verdesca.

Articolo di: De Vita Salvatore

Riccardo Reina

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it

Lascia un commento