Il lago rosa di Torrevieja in Spagna

Nel sud della Spagna, in provincia di Alicante, esiste un lago salato che ha dell’incredibile.

Ci sono paesaggi che, incredibili ed insoliti, si pensa possano appartenere solo ad un continente lontano. Ad esempio, i laghi rosa: li colleghiamo immediatamente all’Australia, o magari all’Africa, eppure ce n’è uno che – dall’Italia – non dista poi molto.

Torrevejia è un comune nel sud della Spagna, in provincia di Alicante. Sorge qui il Parque Natural de Torrevieja, il parco naturale delle lagune di La Mata e Torrevieja.

Un luogo sorprendente, in cui ammirare acque rosa acceso che, inevitabilmente, trasportano in un mondo lontano.

Perché è proprio in questa zona dall’alto valore paesaggistico ed ecologico che si trovano due laghi salati tra i più grandi e i più belli d’Europa: il lago di Torrevieja, che è appunto color rosa, e il lago di La Mata che è invece di un più “tradizionale” verde-blu.

Collegata al mare da una rete di canali, la laguna di Torrevieja – che al tramonto è ancor più spettacolare – ha acque rosa che talvolta tendono al fucsia, e il motivo si deve ad un fenomeno naturale di carattere eccezionale: il lago ospita infatti un batterio capace di rilasciare un pigmento rosato quando immerso in un ambiente ad alta concentrazione salina.

E, qui, di sale ce n’è tantissimo: ben 350 grammi ogni litro d’acqua. Numeri non molto lontani da quelli del Mar Morto.

Ma non solo: qui gli Halobacterium tipici degli ambienti salini estremi si uniscono all’azione di un’alga speciale, chiamata Dunaliella Salina, che è poi la responsabile del colore rosso vivo del lago.

Ovviamente, fare il bagno nelle acque della laguna di Torrevieja è vietato per ragioni di sicurezza e per preservare il suo ecosistema, ma ciò non toglie nulla all’esperienza che qui si può vivere.

All’interno del parco naturale delle lagune di La Mata e Torrevieja si possono organizzare passeggiate e uscite in bicicletta tra la natura e i fenicotteri, ammirando le cento e più specie d’uccelli acquatici presenti.

Lo si fa in un contesto da favola, che fa anche bene all’organismo: qui l’aria è infatti ricca di sali minerali e iodioche dalle acque evaporano, e che per l’apparato respiratorio sono una vera manna.

E poi i fanghi che, applicati sulla pelle, la purificano e alleviano i dolori a muscoli e articolazioni.

Quando visitare la laguna di Torrevieja? Sul finire dell’estate, quando il rosa è più intenso e il paesaggio ancor più magico.

FONTE: SiViaggia

Riccardo Reina

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: