Le Dimore storiche italiane: vetrine del turismo post Covid

Le Dimore storiche italiane: vetrine del turismo post Covid

Testimoni della storia a cavallo dei secoli, il 23 maggio, trecento tra castelli, rocche, palazzi gentilizi, ville, parchi e giardini di tutta la Penisola apriranno gratuitamente le loro porte in occasione della XI Giornata Nazionale dell’Associazione Dimore Storiche Italiane (ADSI).

Iniziativa che vede il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, del Ministero della Culturae diConfartigianato ed è attuata in collaborazione con la Federazione Italiana Amici dei Musei (Fidam), l’Associazione Nazionale Case della Memoria e Federmatrimoni ed Eventi Privati (Federmep). L’evento è realizzato con il contributo di American Express.

Fra i primi grandi appuntamenti culturali nazionali a consentire visite in presenza dopo l’emergenza Covid, e ovviamente subordinato alle disposizioni che saranno in vigore il 23 maggio, la Giornata Nazionale ADSI riveste un particolare significato e rappresenta il primo momento di ripartenza, di riscoperta di complessi monumentali che costituiscono il più grande museo diffuso d’Italia.

Un patrimonio dato per scontato, talvolta ignorato o trascurato, che tramanda valori e tradizioni della nostra nazione e che prima della pandemia era in grado di accogliere 45 milioni di visitatori l’anno.

In Piemonte e Valle d’Aosta saranno 34 le proprietà ADSI aperte per la Giornata Nazionale, di cui 4 alla loro prima partecipazione: nel novarese, a San Maurizio d’Opaglio, Casa Bettoja; nel torinese, a Bricherasio, il Palazzo dei Conti di Bricherasio, a Virle, il Castello Piossasco di None e a Santena il Polo Cavouriano, neo-iscritto ADSI. Alle proprietà ADSI si aggiungono 3 dimore dell’Associazione Nazionale Case della Memoria visitabili a Saluzzo,Candidata Capitale della Cultura Italiana 2024.

Nell’insieme, luoghi che hanno fatto da sfondo all’epopea risorgimentale, residenze di scrittori e personalità illustri del passato che in tempi e modi diversi hanno contribuito a scrivere interi capitoli della Grande Storia nazionale.

La Giornata ADSI Piemonte e Valle d’Aosta ricevuto il sostegno di Reale Mutua e il Patrocinio della Regione Piemonte, del Consiglio Regionale del Piemonte, della Regione Autonoma Valle d’Aosta, della Città Metropolitana di Torino e delle Province di Alessandria, Asti, Cuneo e Novara.

Oltre alle iniziative promosse localmente dai proprietari in occasione della Giornata Nazionale, novità di quest’anno è il concorso fotografico in collaborazione con Photolux rivolto a tutti gli utenti di Instagram. Per partecipare basterà caricare una foto sul proprio profilo usando l’hashtag #giornatanazionaleadsi2021.

La giuria premierà soprattutto l’originalità degli scatti e selezionerà 25 fotografie che verranno esposte in una mostra presso Palazzo Bernardini a Lucca dal 4 al 26 settembre 2021, in concomitanza con la mostra dei vincitori del World Press Photo 2021.

Sandor Gosztonyi, Presidente ADSI – Sezione Piemonte e Valle d’Aosta dichiara “Anche in questa delicata fase di ripartenza, le dimore private fanno da traino al comparto turistico italiano, uno dei più importanti dell’economia nazionale nonché fra i più penalizzati dal lungo lockdown dell’ultimo anno” e prosegue:

“Ogni dimora, sottoposta a vincolo in virtù del suo valore storico-artistico, richiede ingenti sforzi da parte dei proprietari chiamati in prima persona a mantenere intatti questi beni privati di interesse pubblico.

Ora grazie alla collaborazione avviata a livello nazionale con Confrestauri, ci auguriamo che anche il Recovery Plan – che dovrebbe destinare consistenti risorse alla cultura ed al turismo – possa venirci incontro.

E’necessario supportare le Dimore Storiche affinché possano restaurare e mettere in risalto le attrattive dei singoli beni, contribuendo così a tenere in vita professioni in via di estinzione e dare nuova vitalità ai territori di riferimento alimentando l’indotto diretto ed indiretto.

Il Covid ci ha insegnato il valore del turismo di prossimità ed alla portata di tutti, sottolineando l’importanza del sapersi guardare attorno per scoprire le ricchezze, spesso sconosciute o sottovalutate, che sono alle porte di casa”.

In Italia, più che in altri Paesi, gli immobili storici costituiscono una rete unica al mondo. Dal Nord al Sud sono capisaldi di un patrimonio della collettività che i proprietari, ogni giorno, si impegnano a custodire e valorizzare, così da trasmetterlo alle generazioni a venire.

La Giornata Nazionale si propone infatti come un racconto reale, uno spaccato della storia del nostro Paese in grado di sensibilizzare cittadini e istituzioni su cosa significhi gestire questi beni, quali professionalità sono richieste per tutelare antiche mura e giardini secolari, auspicando che molti giovani riescano a cogliere il potenziale insito nelle dimore storiche, riuscendo a reinterpretarlo in chiave futura.

Alcune località nel torinese (Bricherasio, Collegno, Santena), nel novarese (a Boca e sul Lago d’Orta) e Saluzzo prevedono poi aperture gemelle.

Ottimo presupposto per delineare itinerari veri e propri che suggeriscano al pubblico non la singola visita bensì un mini-percorso personale, sulla base dei propri interessi, che tocchi più dimore in un territorio circoscritto.

Magari in abbinamento a visite di altre località ed attrattive, o alla conoscenza di prodotti locali, in molti casi coltivati proprio nelle dipendenze agricole di alcune delle proprietà.

Anche quest’anno, per garantire il massimo rispetto delle misure di sicurezza previste dall’attuale contesto e consentire, allo stesso tempo, a tutti i visitatori di fruire di questi luoghi incantevoli, sarà necessario prenotare la propria visita e recarsi alla destinazione prescelta provvisti di mascherina e rispettando tutte le misure sanitarie in vigore.

L’elenco dei luoghi aperti al pubblico e i moduli di prenotazione sono disponibili al link

www.associazionedimorestoricheitaliane.it

dimore

Riccardo Reina

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: