La sera dell’ultimo giovedì del mese di gennaio, tra Piemonte e Lombardia, si festeggia la Giöebia, che è un grande falò con in cima un fantoccio dalle sembianze femminili, detta Vegia, e la sera lo si accende per dare addio all’inverno e accogliere la primavera. 

Giovedì 26 gennaio 2023 nella piazza principale di Cantù sarà bruciata la Giubiana e la tradizione popolare vuole che il manichino sulla pira rappresenti la castellana traditrice della città, in un rito celebrativo dell’identità e dell’orgoglio cittadini.

Oggi la Gioebia è diventata un’occasione per incontrarsi, fare festa e mangiare in compagnia,  il risotto con la luganiga come prescrive la tradizione e, se il rogo brucia bene, è un buon auspicio per l’anno appena iniziato.

Anche quest’anno la Proloco di Merate il 28 gennaio 2023 organizzerà il rogo della Giubiana, raffigurante la vecchia strega magra che rappresenta i mali dell’inverno e dell’anno appena trascorso.

Inoltre presso il Centro Polifunzionale di Bregnano,  in provincia di Como,  si svolgerà sabato 28 gennaio 2023 la nuova edizione del Rogo della Giubiana con quattro fantocci di paglia vestiti di stracci, dati alle fiamme come auspicio per mesi floridi e come segno benaugurale in vista dell’annualità.

A Giussano torna l’appuntamento con la Festa della Giubiana, il tradizionale rogo promosso dall’amministrazione comunale di Giussano in sinergia con Pro Loco Giussano, dove  giovedì 26 gennaio alle 21 presso l’Oratorio di via Dante verrà bruciata la veccha con la preparazione del tradizionale risotto, mentre dalle 20.30 si snoderà il corteo che da via Verdi porterà a via dei Certosini (Piazza Mercato) dove sarà la volta del rogo della Giubiana di Paina.

L’ultimo appuntamento in calendario è per sabato 28 gennaio, con il rogo della Giubiana del Laghetto alle 21.30 nell’area adiacente il parcheggio di via Stelvio.

Dopo due edizioni annullate, a Seregno (Monza e Brianza) torna finalmente nella collocazione di fine gennaio la Giubiana, il tradizionale rito legato alle origini della zona e, sabato 28 gennaio 2023, nel cuore dell’inverno, torna a bruciare la strega simbolo dei mali del passato e di buon auspicio per la bella stagione.

La leggenda narra che la Giubiana viveva nel buio di un bosco e si cibava di bambini fino a quando le tesero una trappola con un succulento piatto di risotto, che mangiò così voracemente da non accorgersi dell’arrivo della luce del sole che la brucio immediatamente.

L’evento è fissato  presso il Parco Madonna della Campagna di via Cagnola a Seregno (zona Puin) a partire dalle 19.30, con ingresso libero per tutti.