Estate a tutta velocità. Circuito Tazio Nuvolari

Estate a tutta velocità. Circuito Tazio Nuvolari

Inaugurato nel 2014, il Circuito Tazio Nuvolari di Cervesina, in provincia di Pavia. è stato ideato dall’imprenditore Giorgio Traversa che, riqualificando il sito di una antica cava di ghiaia, ha realizzato  uno dei circuiti automobilistici più moderni, funzionali e tecnici in Italia.

La dinamicità dell’unica proprietà hanno permesso all’impianto  di rinnovarsi e ampliarsi con costanza negli anni e il 14 novembre 2018 è stato depositato l’iter d’ampliamento per portare il Circuito alla lunghezza di 5.200 metri.

Il tracciato  del circuito principale misura complessivamente 2.805 metri e può vantare, sul rettilineo principale, un allungo di 720 mt, in grado di far raggiungere velocità fino a 272 Km/h alle auto e 286 Km/h alle moto, presenta un buon bilanciamento fra curve a sinistra (5) e curve a destra (6), ed una larghezza costante di almeno 12 mt.

La larghezza diventa di 13mt in corrispondenza del rettilineo principale, che con le banchine asfaltate raggiunge una larghezza complessiva di ben 16 mt, ideato curando il piacere nella guida, la sicurezza e privilegiando al massimo la facilità dei sorpassi.

Da evidenziare è l’ampia presenza di vie di fughe asfaltate, che permettono anche ai piloti meno esperti di correggere errori di traiettoria prima di finire nelle altrettanto ampie vie di fuga in ghiaia.

La tipologia di curve varia dal tornantino stretto ai curvoni medio-veloci, con una presenza di diversi passaggi tecnici, che ne fanno sicuramente anche una pista ideale per test di vetture e moto delle categorie più varie, comprese le super Car, che possono testare le proprie caratteristiche di guidabilità e handling.

Il circuito è concepito per essere modulare, può infatti essere utilizzata la versione intermedia da 1.700mt o la versione “Short” di 900mt, utilizzabili anche contemporaneamente, oltre a offrire un circuito secondario ed indipendente di 440mt, detto Nivolino, dedicato a minimoto, pit bike, kart.

Ad tutto questo si aggiunge il Paddock P1, che si estende per 5.500 mq ed è dotato di pista in resina speciale per test ABS, impianto di irrigazione permanente e muri d’acqua, ideale per corsi di guida sicura e omologazioni.

C’è una Sala Hospitality di 170mq con accesso esclusivo, impreziosito da una vetrata capace di garantire la visibilità sulla quasi totalità del tracciato, collocata al centro del circuito, direttamente al di sopra della Pit Lane e della linea del traguardo/partenza che può essere usata per scopi didattici e formativi.

Posta lungo il rettilineo principale si nota la terrazza panoramica e la sua caffetteria,  una carrozza delle ferrovie svizzere tedesche trasformata in un piacevole locale dove consumare una colazione completa o fare un rapido spuntino lungo la giornata di pista,

Nell’area retrostante è presente un ristò – self service, con  100 posti a sedere, dotato di pizzeria/focacceria, dove sono  serviti, a seconda delle stagioni, piatti caldi e freddi, pizze, focacce, panini e prodotti alla griglia.

Paola Montonati

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it