Tutto è pronto per la 17esima edizione della Festa del cinema di Roma 2022, che si svolgerà dal 13 al 23 ottobre, dove saranno moltissimi i titoli che si avvicenderanno nei dieci giorni della manifestazione, divisi tra la sezione in competizione e tutte le altre che coprono fuori concorso i generi e i formati più disparati.

Sono molti anche gli appuntamenti più attesi, tra cui gli incontri con il pubblico di Paso Doble e Absolute Beginners e poi il Premio alla Carriera a James Ivory, mitico regista di Camera con vista e sceneggiatore premio Oscar per Chiamami col tuo nome.

Nella sezione competitiva, che viene inaugurata quest’anno e si chiamerà Progressive Cinema – Visioni per il mondo di domani, per l’Italia in concorso ci sarà il film La cura di Francesco Patierno, su una troupe che gira un film tratto da La peste di Albert Camus, mentre di produzione italo-spagnola è I morti rimangono con la bocca aperta di Fabrizio Ferraro.

In competizione ci saranno anche: Alam di Firas Khoury; El Caso Padilla di Pavel Giroud; Causeway di Lila Neugebauer; Foudre di Carmen Jaquier; Houria di Mounia Meddour; In Einem Land, Das Es Nicht Mehr Gibt (In a Land That No Longer Exists) di Aelrun Goette; Janvāris di Viesturs Kairišs; Jeong-Sun di Jeong Ji-hye; Lv Guan (The Hotel) di Wang Xiaoshuai; Ramona di Andrea Bagney; Raymond & Ray di Rodrigo García con Ewan McGregor e Ethan Hawke; Sanctuary di Zachary Wigon; Shttl di Ady Walter; La Tour (Lockdown Tower) di Guillaume Nicloux.

Nella sezione fuori concorso della Festa del cinema di Roma Grand Public, pensata per il pubblico generalista, c’è il film d’apertura Il colibrì di Francesca Archibugi con Pierfrancesco Favino, Kasia Smutniak, Laura Morante tratto dal romanzo di Sandro Veronesi, Amsterdam di David O. Russell con Christian Bale e Margot Robbie; Bros di Nicholas Stoller, prima rom-com gay scritta da Billie Eichner; The Lost King di Stephen Frears; The Menu di Mark Mylod con Ralph Fiennes e Anya Taylor-Joy; What’s Love Got to Do With It? di Shekhar Kapur con Lily James e Emma Thompson; Butcher’s Crossing con Nicolas Cage; La signora Harris va a Parigi di Anthony Fabian. Sono parecchie anche le proposte del cinema italiano come L’ombra di Caravaggio di Michele Placido con Riccardo Scamarcio; Rapiniamo il Duce di Renato De Maria con Pietro Castellitto e Matilda De Angelis; Il principe di Roma con Marco Giallini; La stranezza di Roberto Andò con Toni Servillo; War – La guerra desiderata di Gianni Zanasi con Edoardo Leo e Miriam Leone.

Nella sezione Freestyle, dedicata ai formati dello schermo, debutteranno Django: La serie di Francesca Comencini, con Matthias Schoenaerts e Noomi Rapace e la seconda stagione di Romulus, entrambe in arrivo prossimamente su Sky; e poi Io sono Lillo, serie di Prime Video con protagonista Lillo Petrolo che riprende il fortunatissimo personaggio di Posaman visto in Lol.

Tra le proiezioni speciali ci sarà anche il documentario inedito Ritratto di regina di Fabrizio Ferri, dedicato a Elisabetta II, e anche Umberto Eco: La biblioteca del mondo di Davide Ferrario sul grandissimo scrittore.