Sono fra i più grandi d’Europa, ma a stupire non è il numero degli espositori, quasi 200, ma soprattutto la loro maestria e la qualità delle loro proposte artigianali, infatti torna il Mercatino di Natale di Santa Maria Maggiore, appuntamento irrinunciabile per le migliaia di persone che ogni anno raggiungono per il Ponte dell’Immacolata questa zona di Piemonte incuneata tra Svizzera e Lago Maggiore.

C’è la qualità, prima di tutto, ma anche le magiche atmosfere natalizie nel borgo Bandiera Arancione capoluogo della Val Vigezzo, fin dal giorno dell’Immacolata grazie all’evento Aspettando il Mercatino con l’accensione dell’Albero di Natale e il coinvolgente show degli artisti di Accademia Creativa, tra musica dal vivo, danza e spettacoli, in programma alle 18 di giovedì 8 dicembre.

Dalle 9.30 del giorno successivo e per tre intere giornate ci sarà il lungo percorso che abbraccia tutto il centro storico del capoluogo della Valle Vigezzo, dove i duecento espositori popoleranno ogni via e piazza del paese, consentendo una visita molto piacevole e con spazi adatti ai grandi flussi di pubblico attesi.

Il percorso presenterà anche una direzione consigliata, grazie alla cartellonistica, per non perdere nemmeno una bancarella.

Gli espositori sono stati anche quest’anno accuratamente selezionati, tra presepi artigianali e casette in pietra e legno, splendide ceramiche, curatissimi manufatti in vetro soffiato, originali decorazioni e addobbi natalizi e molti prodotti realizzati interamente a mano, oltre agli chalet delle Eccellenze Artigiane, con le specialità gastronomiche realizzate con passione in queste terre tra monti e laghi. Santa Maria Maggiore sarà ancora una volta in grado di meravigliare i visitatori per il fascino delle sue architetture e per gli allestimenti delle decorazioni natalizie e del videomapping nel centro storico.

Ad accompagnare e scaldare i visitatori del mercatino ci saranno come sempre le suggestive stufette ricavate nei tronchi d’abete e le tante prelibatezze offerte nei vari punti di ristoro, come il profumato vin brulè o il corroborante caffè vigezzino, in accompagnamento ai golosi stinchéet o alle gustose caldarroste, presso le aree ristoro coperte e riscaldate con proposte di street food alpino e per una sosta più confortevole e con piatti tipici è obbligatoria la prenotazione presso i ristoranti del paese e delle località limitrofe.

Novità di questa edizione, in Via Cavalli, è una postazione per immortalare con selfie e fotografie la visita al mercatino con un disegno realizzato da Eleonora Perretta e dedicato al Natale a Santa Maria Maggiore e le cartoline di Natale realizzate dalla stessa artista con gli scorci più belli del borgo: disponibili presso la Casa del Profumo, possono diventare degli originali biglietti d’auguri per accompagnare i regali acquistati al mercatino

Tra gli intrattenimenti musicali, con bandelle, gruppi jazz, cornamuse, gli amatissimi Corni delle Alpi, oltre alla Casa di Babbo Natale, con gli artisti di Wanda Circus, e le favole musicate al Vecchio Municipio, oltre alle mostre e gli allestimenti visitabili gratuitamente, Bestialità presso il Centro Culturale Vecchio Municipio, Gioielli natalizi” nel giardino della ex Villa Gennari, entrambi in Piazza Risorgimento e il Calendario dell’Avvento  nell’antico lavatoio di Via Roma.

La visita alla 23esima edizione del Mercatino di Natale di Santa Maria Maggiore è anche occasione perfetta per toccare con mano le testimonianze di cultura alpina ospitate nei due musei  del borgo, il Museo dello Spazzacamino e nella Casa del Profumo Feminis-Farina, che rende onore alla storia dell’Acqua di Colonia, nata proprio grazie a due emigranti di Santa Maria Maggiore.

Nominato da media nazionali ed internazionali tra i mercatini più belli d’Italia, il Mercatino di Natale di Santa Maria Maggiore rinnova la magia di un evento in cui atmosfera natalizia e occasioni di shopping artigianale si uniscono con armonia da oltre vent’anni.