Sport di tutti: INclusione

Sport di tutti: INclusione

Sport di tutti: INclusione è un Avviso pubblico per sostenere lo sport sociale e incentivare l’eccellenza dell’associazionismo sportivo di base attraverso il finanziamento di progetti rivolti a categorie vulnerabili e soggetti fragili che utilizzano lo sport e i suoi valori come strumento di inclusione sociale, promuovendo sinergie con gli attori del territorio.

SPORT DI TUTTI – INclusione” è promosso dalla società Sport e Salute S.p.A. e realizzato in collaborazione con le Federazioni Sportive Nazionali (FSN), le Discipline Sportive Associate (DSA) e gli Enti di Promozione Sportiva (EPS) (congiuntamente, gli “Organismi Sportivi”).

Il Progetto intende supportare le associazioni e società sportive dilettantistiche (ASD/SSD) che svolgono attività di carattere sociale sul territorio attraverso progetti che utilizzano lo sport come strumento educativo e di prevenzione del disagio sociale e psicofisico, di sviluppo e di inclusione sociale, di recupero e di socializzazione, di integrazione dei gruppi a rischio di emarginazione e delle minoranze.

Mira a valorizzare la ricchezza dei territori e le loro diversità ed eccellenze. L’intervento prevede il finanziamento di progetti di valore dell’associazionismo sportivo di base che lavora con categorie vulnerabili, soggetti fragili e a rischio devianza e su temi sociali quali ad esempio: lo sport contro le dipendenze ed il disagio giovanile; la povertà educativa e il rischio criminalità; lo sport quale strumento di prevenzione e lotta all’obesità in età pediatrica; lo sport a sostegno dell’empowerment femminile e contro la violenza di genere; lo sport nelle carceri.

Nella valutazione dei progetti presentati sarà premiante la sinergia con altri soggetti e reti territoriali coerenti con le tematiche affrontate e i target di riferimento (es. SerT, Terzo settore, servizi sociali, Enti ospedalieri, Istituzioni scolastiche, universitarie, ecc.).

Tutte le attività svolte nell’ambito del Progetto dovranno rispettare le disposizioni ministeriali e regionali relative alle misure di contenimento del virus Covid-19 ed i protocolli degli Organismi Sportivi di riferimento, qualora siano ancora in vigore al momento della realizzazione delle stesse.

Le risorse destinate al Progetto sono pari a € 2.000.000,00. Al fine di incrementare le risorse economiche destinate al Progetto, Sport e Salute potrà ricercare sinergie con Ministeri, Istituzioni ed Enti locali con cui si condividono obiettivi comuni. L’importo massimo che sarà finanziato per ciascun progetto approvato è di € 15.000,00.

Il Progetto intende raggiungere i seguenti obiettivi:

  • promuovere, attraverso la pratica sportiva gratuita, un percorso di sostegno e un’opportunitàdi recupero per soggetti fragili, a rischio di devianza e di emarginazione, inseriti anche in contesti difficili;
  • favorire l’attività sportiva come strumento di prevenzione, sviluppo e inclusione sociale;
  • incoraggiare lo svolgimento dell’attività sportiva favorendo la partecipazione delle categorie vulnerabili;
  • supportare le ASD/SSD che svolgono attività di carattere sociale sul territorio rivolte a categorie vulnerabili, presso impianti sportivi o in strutture alternative di recupero.

Art. 2 – Destinatari dell’avviso

Possono presentare la proposta progettuale per la partecipazione al Progetto le ASD/SSD in possesso dei requisiti riportati nel successivo art. 4, attraverso l’apposita sezione sulla piattaforma di progetto https://area.sportditutti.it/
Con il presente avviso pubblico si intende finanziare progetti di valore dell’associazionismo sportivo di base che lavora con categorie vulnerabili, soggetti fragili e a rischio devianza e su temi sociali, quali:

  • –  lo sport quale strumento di prevenzione e lotta alle principali dipendenze giovanili da sostanze stupefacenti, alcool, ludopatia, nuove dipendenze digitali, disturbi alimentari (anche presso centri di recupero);
  • –  lo sport contro la povertà educativa e il rischio criminalità;
  • –  lo sport quale strumento di prevenzione e lotta all’obesità in età pediatrica;
  • –  lo sport a sostegno dell’empowerment femminile e contro gli stereotipi e la violenza di genere;
  • –  lo sport nelle carceri.Ulteriori tematiche pertinenti al Progetto potranno esser proposte dalle ASD/SSD in fase di candidatura e saranno valutate da Sport e Salute.

Beneficiari del Progetto

Le attività delle ASD/SSD sono destinate a ragazzi e adulti appartenenti a categorie vulnerabili e soggetti fragili in situazioni di particolare disagio sociale e a rischio di emarginazione (più avanti i “Beneficiari”), quali ad esempio:

  • soggetti a rischio di dipendenze giovanili come la tossicodipendenza, alcolismo, ludopatia, dipendenza digitale, disturbi del comportamento alimentare (anche provenienti da strutture come il SerT, associazioni del terzo settore, le strutture intermedie delle ASL, le strutture di recupero, ecc,);
  • bambine, ragazze e donne;
  • soggetti a rischio di criminalità e povertà educativa;
  • detenuti nel sistema carcerario (minorile o per adulti);
  • altre categorie vulnerabili proposte dalle ASD/SSD in fase di presentazione dei progetti.

Sarà cura delle ASD/SSD iscrivere i Beneficiari in piattaforma, in base alle attività a cui parteciperanno.

Per i Beneficiari non è richiesto il possesso della cittadinanza italiana.

Riccardo Reina

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: