In viaggio tra i parchi: Gardaland

In viaggio tra i parchi: Gardaland

Uno dei simboli dell’estate italiana, tra giochi, musica e allegria…

Gardaland, tra i più noti parchi tematici italiani, si trova presso le rive del lago di Garda, tra Verona, Peschiera e Sirmione, è una tappa fondamentale per le famiglie e, oggi, è considerato uno tra i maggiori parchi europei.

Il progetto di Gardaland nacque da un’idea dell’imprenditore veneto Livio Furini, che all’inizio degli anni settanta visitò il parco divertimenti Disneyland in California, rimanendone colpito. Deciso a realizzare una struttura simile in Italia, il 19 ottobre 1971 acquistò un terreno nel comune di Castelnuovo del Garda, scelto per le potenzialità turistiche della zona.

L’8 ottobre 1974 nacque la società Gardaland S.p.A., costituita da Furini e da altri imprenditori locali tra cui Cesare Brentarolli, Flavio Zaninelli, che ne sarà amministratore delegato e socio di maggioranza relativa fino al 1994, Angelo Giambenini e Cesare Peluchi, che diventerà socio nel 1979.

Altra figura di rilievo per Gardaland fu Giorgio Tauber, direttore del parco dal 1975 al 1995.

I lavori iniziarono nel febbraio 1975 con un investimento di 200 milioni di lire, continuarono fino all’estate e il 19 luglio dello stesso anno venne inaugurato il parco.

A metà degli anni Ottanta, il Parco di Gardaland era il parco di divertimenti più famoso d’Italia grazie alla popolarità come la location delle sigle della trasmissione televisiva Bim Bum Bam, cresciuta grazie all’apertura delle prime montagne russe, su suolo italiano, con inversioni, note come le Magic Mountain.

Da allora le novità si sono succedute nel parco divertimenti di Gardaland, anno dopo anno, che hanno contribuito a mantenere inalterato l’affetto del pubblico per Gardaland, come le maestose dark ride La Valle dei Re (1987) e I Corsari (1992), l’inverted coaster Blue Tornado e la free fall tower Space Vertigo (1998), il super-splash Fuga da Atlantide (2003), lo Screaming Squirrel Sequoia Adventure (2005), fino al Mine Train Mammut (2008).

La stagione 2011 di Gardaland vide l’inaugurazione di Raptor, prototipo della nuova tipologia Wing Coaster, con sedili esterni rispetto al tracciato del binario, prodotto dalla BeM.
Nel 2012 e 2013 sono arrivate L’era Glaciale 4D e lo spettacolo dedicato a Madagascar Live! It’s Circus Time posizionato all’interno del Palaraptor di Gardaland.

Con il 2015 la novità di Gardaland fu Oblivion: The Black Hole, il primo dive coaster italiano e nel 2018 venne inaugurata la Peppa Pig Land.

Le circa quaranta attrazioni del Parco, divise per tipologia, Adrenaline, Adventure e Fantasy, guidano gin un’esperienza indimenticabile e tra le novità ci sono il 44 Gatti Rock Show, per i più piccoli, che vede esibirsi i 4 simpaticissimi protagonisti della famosa serie Tv e lo spettacolo di giochi d’acqua AquaFantasia – Storie di acqua, luci e colori.

Inoltre, per un divertimento in sicurezza, è stato elaborato un protocollo che vede gli ingressi al parco a numero chiuso, obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione personale sia per i visitatori che per i dipendenti, segnaletica chiara per il distanziamento sociale e possibilità di prenotare il proprio turno di accesso alle attrazioni tramite la Gardaland App.

Paola Montonati

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: