La riapertura delle attività fieristiche dal 1° luglio strumento fondamentale per la ripresa e il Made in Italy

La riapertura delle attività fieristiche dal 1° luglio strumento fondamentale per la ripresa e il Made in Italy

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi, nel delineare lo scorso 16 aprile le tappe del graduale programma di riaperture – necessario per coniugare le esigenze della sicurezza con la ripresa delle attività economiche -, ha fissato per il 1° luglio la ripartenza delle fiere internazionali nel nostro Paese, nel rispetto dei protocolli sanitari approvati dal Comitato Tecnico Scientifico.

I provvedimenti normativi, che la prossima settimana daranno operatività a questo atteso programma, sono essenziali anche per il Cersaie, la fiera di riferimento a livello internazionale per la ceramica e l’arredobagno, che si terrà a Bologna dal 27 settembre al 1° ottobre p.v..

Alla data odierna è stato opzionato oltre l’80% della superficie disponibile, un risultato che conferma il valore internazionale della manifestazione, se si tiene conto che il 40% degli espositori sono esteri.

“Tornare a organizzare un evento della portata del CERSAIE e riportare la nostra clientela internazionale a vivere direttamente e fisicamente l’esperienza del Made in Italy è di vitale importanza per un settore che esporta per l’85% del proprio fatturato commenta Giovanni Savorani, Presidente di Confindustria Ceramica. –

I prolungati periodi di permanenza nelle abitazioni dovuti al lockdown hanno determinato, in tutti i continenti, un maggior interesse da parte dei consumatori per la riqualificazione degli ambienti della propria casa, anche in termini di salubrità.

Questa ha generato una maggiore attenzione verso i materiali ceramici, l’arredobagno, le cucine, l’outdoor, l’illuminazione, il wellness e le finiture di interni – tutti settori merceologici presenti nell’edizione 2021 di Cersaie”.

La sicurezza di espositori e visitatori sarà per tutti la priorità fondamentale, costruita sull’enorme sforzo collettivo che – in Italia come in tanti Paesi – si sta realizzando con la progressiva attuazione dei piani vaccinali.

Tali piani costituiscono peraltro la premessa necessaria per i programmi di passaporto vaccinale sui quali si sta lavorando a livello UE e per la definizione dei “corridoi verdi” per le principali tratte internazionali, che possono supportare, dopo la stagione turistica estiva, anche la ripresa dei viaggi di lavoro.

“Con l’annuncio del Governo della data per la ripresa degli eventi in presenza – dichiara Gianpiero Calzolari, presidente BolognaFiere –, possiamo guardare con più ottimismo al futuro e, soprattutto, far ripartire quel sistema virtuoso al servizio delle imprese e dell’export che sono le nostre grandi manifestazioni trade internazionali.

Ora si rimette in moto la macchina organizzatrice per pianificare al meglio lo svolgimento degli eventi in programma.

La sicurezza è la nostra priorità: in Fiera con l’applicazione di protocolli rivolti a ogni aspetto del “vivere in sicurezza il Quartiere fieristico” (dagli ingressi ai percorsi di visitazione, dalla ristorazione alla logistica) e, anche al “vivere la città”, con un importante lavoro sinergico con gli altri attori della filiera di attività che intervengono nell’esperienza fiera (Aeroporto, trasporti, alberghi, …).

Il nostro obiettivo è offrire un contesto in cui espositori e operatori potranno concentrarsi sul business e a sviluppare nuove relazioni commerciali in tutta tranquillità”.

Il positivo impatto che una fiera internazionale come il Cersaie può avere per tante attività economiche diffuse sul territorio richiede, come non mai in occasione di questa ripartenza, il supporto delle Istituzioni che, anche a livello regionale e locale, non è peraltro mai venuto meno in questo difficilissimo periodo.

“La ripartenza delle attività fieristiche è un’ottima notizia, che ridà fiducia e prospettive a settori che hanno sofferto tantissimo nell’ultimo anno a causa delle necessarie restrizioni dovute alla pandemia – dichiara Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna -.

Le fiere rappresentano uno strumento fondamentale e strategico per sostenere l’export di produzioni e filiere che sono eccellenze non solo della nostra Regione, ma dell’intero Paese e del Made in Italy nel mondo.

Ecco perché, mentre proseguiamo la campagna vaccinale – pronti a raddoppiare le somministrazioni con l’arrivo delle nuove forniture, in linea col piano nazionale – lavoriamo per mettere in campo ogni strumento necessario a una riapertura in sicurezza tramite rigorosi protocolli di tutela sanitaria per espositori e visitatori.

In un contesto così complicato, va ringraziata Confindustria Ceramica per l’impegno profuso per salvaguardare realtà produttive e tenuta occupazionale.

Per questo intendiamo continuare a investire rafforzando il sistema fieristico regionale, consapevoli che fare squadra porta l’Emilia-Romagna a essere un soggetto di primissimo livello sui massimi mercati internazionali”.

Riccardo Reina

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: