Rita da Cascia, santa delle rose

Rita da Cascia, santa delle rose

In molte chiese, il 22 maggio si benedicono le rose, per ricordare la figura di Rita da Cascia, sposa e madre che visse nel Medioevo toscano…

Santa Rita nacque nel 1381, a Roccaporena, a pochi chilometri da Cascia, figlia unica di Antonio Lotti e Amata Ferri.

I genitori, mediatori locali nelle lotte politiche e familiari fra guelfi e ghibellini, diedero a Rita una buona educazione, insegnandole a scrivere e leggere.

Già dalla tenera età Margherita desiderava intraprendere il cammino che l’avrebbe portata verso la consacrazione a Dio, ma i genitori, prima di morire, insistettero per trovare un marito all’unica figlia.

Mite e obbediente, Rita a soli sedici anni andò in sposa a Paolo di Ferdinando Mancini, giovane ben disposto, ma dal carattere irruento.

L’indole del marito però non impedì a Rita, con tutto il suo amore, di aiutarlo a cambiare, e ben presto nacquero i gemelli, Giacomo Antonio e Paola Maria.

Con una vita semplice, ricca di preghiera, sempre dedita alla famiglia, Rita aiutò il marito a convertirsi e a condurre una vita onesta.

La vita di Rita fu sconvolta dall’assassinio del marito, avvenuto in piena notte, presso il mulino di Remolida da Poggiodomo nella valle, sotto le balze di Collegiacone e le ultime parole di Paolo furono d’amore verso Rita e i suoi figli.

Rita fu capace di una sconfinata pietà, perdonando chi le aveva procurato un dolore così grande, ma i figli erano tentati dal desiderio di vendetta.

I sentimenti di perdono e di mitezza di Rita non riuscivano a persuadere i ragazzi, al punto che la donna arrivò a pregare Dio per la morte dei figli, piuttosto che saperli macchiati del sangue fraterno.

Giacomo e Paolo morirono per una malattia poco tempo dopo, a meno di un anno di distanza dalla morte del padre.

Rita, ormai sola, si adoperò a opere di misericordia e, soprattutto, a gesti di pacificazione verso gli uccisori del marito, condizione necessaria per essere ammessa in monastero, per realizzare il desiderio che Rita aveva fin da adolescente.

Per ben tre volte la donna bussò alla porta del Monastero Agostiniano di santa Maria Maddalena a Cascia, ma solo nel 1417 venne accolta in quel luogo, dove visse per quarant’anni, servendo Dio e il prossimo con una generosità sempre attenta ai drammi del suo ambiente e della Chiesa del suo tempo.

La sera di un Venerdì Santo, dopo la tradizionale processione del Cristo Morto, avvenne il prodigio che durò per tutti i suoi ultimi quindici anni di vita, infatti Rita ricevette sulla fronte le stigmate di una delle spine di Cristo, e ne sopportò il dolore con grande forza d’animo.

Mori il 22 maggio 1457 e fu venerata come Santa subito dopo la sua morte, come dimostra il sarcofago ligneo e dal Codex Miraculorum, un documento risalente all’anno della morte.

Papa Leone XIII la proclamò Santa il 24 maggio 1900 e dal 18 maggio 1947 le ossa di Santa Rita da Cascia riposano nel Santuario, in un’urna d’argento e cristallo realizzata nel 1930.

Paola Montonati

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: