I misteri dell’isola di Karpathos

I misteri dell’isola di Karpathos

Karpathos, isola greca del Dodecaneso, a metà strada tra Rodi e Creta, è una meta unica per i surfisti grazie al meltemi, il vento che spira pressochè costante da nord e che rende alcune spiagge dell’isola adatte alla pratica di questo sport.

Per innamorarsi di Karpathos basta vedere le spiagge dell’isola, come Poliou Patami, cioè la spiaggia degli uccelli, Damatria o Apella, comodamente raggiungibili via terra mentre ad altre, come la bella Kato Lakos, si arriva soltanto via mare.

Pigadia, nota anche come Karpathos Town o Città di Karpathos in italiano, è il capoluogo dell’isola, già abitato durante il periodo minoico e in seguito dai Greci micenei.

A causa delle continue incursioni dei pirati la città venne abbandonata nel Medioevo, e gli abitanti si ritirarono nell’entroterra fondando così nuovi insediamenti.

Qualche secolo dopo la città fu ricostruita e nel 1892 venne chiamata Pigadia, dalla parola Ta Pigádia, legata alla sua ricchezza di acque.

Il turismo si è sviluppato a Karpathos e in particolare a Pigadia dopo l’apertura dell’aeroporto internazionale, con hotel, bar e ristoranti, oltre a mini golf e locali notturni, rendendolo il luogo più frequentato dai turisti.

Il Museo Archeologico di Karpathos, che si trova a Pigadia, conserva numerosi reperti trovati sull’isola risalenti all’Antica Grecia, come monete, ceramiche e attrezzi per la vita di tutti i giorni.

L’Acropoli è sulla strada dalla passeggiata del lungomare al cimitero con la Chiesa di San Nicola alle spalle, mentre sopra il cimitero si può ammirare la Chiesa Panormitis.

A circa 2 chilometri dal centro della città, lungo la strada costiera per Aperi si trovano le rovine della Basilica di Agia Fotini, fu costruita nel V o VI secolo in onore del martire Fotini sulle rovine di un antico tempio.

La chiesa di Agia Sofia (Santa Sofia) a Palekastro e la chiesa di Zoodochos Pigi a Diafani sono due tra gli edifici religiosi più belle di Karpathos.

Santa Sofia è una piccola chiesa con mosaici e un cortile con colonnato, oltre ad essere un bel sito archeologico, mentre Zoodochos Pigi ha dei bellissimi affreschi ed è un luogo ideale per riposarsi dopo una giornata passata al sole.

Nei pressi del villaggio di Menetes, posto in collina, si trova in una tradizionale casa di Karpathos il museo del folk, con alcuni interessanti reperti risalenti alla seconda guerra mondiale, e altre cose molto interessanti, che forniscono un’idea della vita nell’isola prima dell’avvento del turismo.

Paola Montonati

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: