Storytelling e realtà aumentata: come un film esplode nello spazio e diventa supericie

Storytelling e realtà aumentata: come un film esplode nello spazio e diventa supericie

Letteratura, cinema e linguaggi digitali si incontrano in Storytelling e realtà aumentata: come un film esplode nello spazio e diventa superficie.

Il webinar gratuito promosso dalla Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee / museo Madre che si terrà martedì 18 maggio, dalle 14.30 alle 16.30 e dalle 17.00 alle 19.00, e venerdì 28 maggio, dalle 14.00 alle 17.45.

Gli incontri con artisti, ricercatori e docenti avranno luogo in occasione del lancio del secondo capitolo del progetto crossmediale di Matilde De Feo Naples Three of Three, dedicato all’opera della scrittrice napoletana Fabrizia Ramondino e intitolato Ramondino’s Apologue.

All’iniziativa hanno aderito l’Università degli Studi di Salerno, l’Accademia di Belle Arti di Napoli, l’Accademia di Belle Arti di Carrara, l’Accademia di Belle Arti di Palermo e l’Accademia di Belle Arti di Lecce.

Gli incontri saranno accreditati dalle Istituzioni che aderiranno, e la partecipazione ad entrambi gli appuntamenti darà diritto a crediti formativi tra le attività a libera scelta degli studenti.

Interverranno, il 18 maggio, Angela Tecce, Presidente della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee; Matilde De Feo, Filmmaker e Docente di Processi e Tecniche di dello Spettacolo Multimediale presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, Palermo e Carrara; Silvio Perrella, scrittore e critico letterario; Alfonso Amendola, Docente di Sociologia dell’Immaginario presso l’Università degli Studi di Salerno; Adolfo Fattori, Sociologo e Docente di Fenomenologia dei Media presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli; Amedeo Lepore, Docente di Storia Economica presso l’Università Vanvitelli di Caserta; Resli Tale, illustratrice; Nicholas Bertini, animatore e motion grapher.

Con Matilde De Feo, prenderanno parte all’incontro del 28 maggio con gli studenti anche Simone Arcagni, Docente di Cinema, Nuovi Media e Nuove Tecnologie presso l’Università degli Studi di Palermo; Bruno Di Marino, Storico dell’immagine in movimento e Docente di Mass Media presso l’Accademia di Belle Arti di Frosinone; Resli Tale; Massimo Magrini e Fabrizio Matarese, Ricercatori presso il CNR di Pisa.

Dagli anni ‘70 in cui Gene Youngblood parlava, in Expanded Cinema, di un cinema in modalità sinestetica, sono mutati i paradigmi del linguaggio cinematograico, che oggi sono arricchiti, ma anche complicati, dalla sempre piu pervasiva presenza delle nuove tecnologie digitali.

La “XR” Extended Reality, che raccoglie diverse tecnologie come la Virtual Reality, l’Augmented Reality e la Mixed Reality, i concetti di ubiquitous computing e pervasive computing, permettono di scrivere storie che esplodono dallo schermo e diventano supericie, occupando lo spazio reale dello spettatore in un processo condiviso, interattivo e partecipato.

Ramondino’s Apologue è un ritratto animato dedicato alla scrittrice napoletana Fabrizia Ramondino, scomparsa nel 2008, autrice di numerosi romanzi, “maestra irregolare”, ideatrice e partecipante attiva di alcune esperienze di pratiche pedagogiche alternative a Napoli (Arn – Associazione Risveglio Napoli), co- sceneggiatrice, con Mario Martone, di Morte di un Matematico Napoletano.

Proprio Martone è ospite speciale dell’opera: la sua voce, infatti, accompagna e arricchisce la narrazione per immagini, assieme alle musiche realizzate da Ferruccio Spinetti.

Link all’evento Facebook: https://bit.ly/2QbrZ3R

Riccardo Reina

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: