Fano, signora delle Marche

Fano, signora delle Marche

La città marchigiana di Fano, nella provincia di Pesaro-Urbino, è famosissima per il suo Carnevale, il più antico d’Italia.

Fano fu un centro romano, con il nome di Fanum Fortunae, che ricorda il Tempio della Fortuna, costruito in ricordo della celebre Battaglia del Metauro, dove le legioni romane riuscirono a distruggere l’esercito del generale cartaginese Asdrubale.

Fu Cesare Ottaviano Augusto a costruire le mura che oggi circondano il centro storico.

Dopo essere entrata a far parte della Pentapoli Marittima, insieme a Rimini, Pesaro, Senigallia e Ancona, Fano fu occupata dai Longobardi e dai franchi, poi nel XII secolo divenne un comune.

Nel 1463 la città fu ceduta al duca Federico da Montefeltro di Urbino, ma la popolazione non volle diventare parte del Ducato di Urbino e si trasformò in un vicariato ecclesiastico.

Saccheggiata in seguito dall’esercito di Napoleone, Fano fu pesantemente bombardata sia durante la Prima che la Seconda Guerra Mondiale.

Sono numerose le chiese di Fano, come la Cattedrale di Santa Maria Assunta, detta anche di Santa Maria Maggiore, eletta al rango di Basilica minore, realizzata in stile romanico-rinascimentale, la Basilica di San Paterniano, la Chiesa di Santa Maria Nuova dove l’interno è barocco, mentre l’esterno è rinascimentale.

Al centro di Fano c’è la Chiesa di San Pietro in Valle, esempio di barocco marchigiano e sempre nel centro storico si trova la Chiesa di Sant’Agostino, di stile gotico con elementi barocchi, oltre all’ex Chiesa di San Francesco, con i suoi numerosi stili.

Molto celebre anche l’Eremo di Monte Giove, gestito dai Camaldolesi, con pianta ottagonale, e vicino le casette per i monaci e i rispettivi orti, dove si svolgono ritiri spirituali e incontri di studio.

Lungo la SS 16 si trova il Santuario di Santa Maria del Ponte Metauro, dove Giovanni Paolo II incoronò il quadro della Madonna del Ponte, protettrice dei marinai.

La forte presenza romana a Fano è testimoniata dall’Arco di Augusto, situato vicino a Porta Maggiore, che in epoca romana era la porta d’accesso principale alla Colonia Julia Fanestris.

Fra le architetture civili di Fano ci sono il Palazzo della Ragione o Palazzo del Podestà, sito nella centrale Piazza XX Settembre, dove è organizzato il mercato settimanale.

Molto particolare è la Rocca Malatestiana, nota anche come Corte Malatestiana o Palazzo dei Malatesta, dove sono spesso organizzate mostre ed eventi, e ospita anche i Musei Civici.

Fano ospita diversi eventi culturali molto famosi, il più noto è il Carnevale di Fano, il più antico d’Italia, con il Getto, il lancio dei dolciumi e dei cioccolatini, che è veramente impressionante, come i Corsi e i numerosi carri che ogni anno allietano la festa.

Riccardo Reina

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: