La storia dei gladiatori a Napoli

La storia dei gladiatori a Napoli

Fino al 6 gennaio 2022 il Museo Archeologico Nazionale di Napoli presenta la mostra Gladiatori, con centosessanta reperti che, nel Salone della Meridiana, risultano suggestivi tasselli di un affascinante viaggio di ricerca nella storia dell’antica Roma divisi in sei sezioni, Dal funerale degli eroi al duello per i defunti, Le armi dei Gladiatori, Dalla caccia mitica alle venationes, Vita da Gladiatori, Gli Anfiteatri della Campania e I Gladiatori da per tutto.

Parte dell’itinerario è la settima sezione tecnologica che, intitolata Gladiatorimania e concentrata nel Braccio Nuovo del Museo, è un vero e proprio strumento didattico e divulgativo per rendere accessibili a tutti, adulti e ragazzi, i diversi temi della mostra.

Gladiatori è il frutto di un’intensa rete scientifica interistituzionale, infatti, la prima tappa dell’allestimento è stata presentata all’Antikenmuseum Basel und Sammlung Ludwig ed è nata dalla volontà di narrare gli antichi spettacoli in tutte le aree dell’Impero Romano, mentre l’esposizione al Museo Archeologico Nazionale di Napoli si arricchisce del focus sugli Anfiteatri Campani e del taglio interattivo di Gladiatorimania.

Tra le partnership prestigiose di Gladiatori non può mancare il Parco Archeologico del Colosseo, che è unito al Mann da un protocollo d’intesa per valorizzare la comune programmazione culturale, e conclude un percorso di ricerca che ha previsto la collaborazione con il Parco Archeologico di Pompei per la realizzazione d’itinerari espositivi sui legami tra l’antica città vesuviana e gli Egizi, i Greci, gli Etruschi e Roma.

C’è anche Pompei 79 d.C. Una storia romana, in programma al Parco Archeologico del Colosseo, cui il Mann ha prestato un consistente nucleo d’importanti reperti.

La mostra Gladiatori è stata promossa con il sostegno della Regione Campania e avrà approfondimenti ad hoc nell’Ecosistema Digitale per la Cultura della Regione Campania, mentre il partner dell’esposizione è Intesa Sanpaolo.

Il progetto scientifico dell’allestimento è a cura di Valeria Sampaolo, Conservatore presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, mentre il coordinamento è di Laura Forte, responsabile Ufficio Mostre al Mann e Archivio Fotografico del Mann.

A cura del Servizio Educativo e Ricerca del Mann ci sono laboratori didattici, incontri di Archeologia “Speciale Gladiatori”, conferenze con personaggi del mondo dell’arte e dello spettacolo; nell’ambito del festival ArcheoCineMamm, oltre a una rassegna cinematografica in rete con la Mediateca Santa Sofia di Napoli.

Orari: tutti i giorni dalle 9 alle 19.30; martedì riposo settimanale, sabato, domenica e festivi l’accesso sarà consentito esclusivamente con la prenotazione, tramite i siti web coopculture.it, museoarcheologiconapoli.it e con l’app dedicata di Coopculture.

Biglietto: intero € 10, ridotto € 8

Paola Montonati

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: