Filippo, il principe nell’ombra

Filippo, il principe nell’ombra

Timido, sempre pronto ad aiutare gli altri, come nel caso del funerale di Diana, quando era vicino ai nipoti e al fratello della principessa del Galles, questo era Filippo, principe di Edimburgo e marito di Elisabetta, scomparso oggi a 99 anni…

Filippo di Mountbatten, duca di Edimburgo, principe consorte della regina Elisabetta II del Regno Unito, nacque a Corfù (Grecia) il giorno 10 giugno 1921, su un tavolo da cucina della Villa Mon Repos, quinto figlio e unico maschio del Principe Andrea di Grecia e della Principessa Alice di Battenberg.

La sua non fu un’infanzia facile. Pochi mesi dopo la sua nascita, il nonno materno, il Principe Luigi di Battenberg, morì a Londra, dove era stato naturalizzato cittadino inglese, dopo un onorevole e lungo servizio nella Royal Navy. Dopo i funerali a Londra, Filippo e la madre tornarono in Grecia dove il padre, il Principe Andrea, fu al comando di una divisione d’esercito coinvolta nella Guerra greco-turca (1919-1922). Il 22 settembre 1922 lo zio di Filippo, il Re Costantino I di Grecia, fu costretto ad abdicare ed il Principe Andrea, assieme ad altri, è arrestato dal governo militare turco. La famiglia venne espulsa dai territori ellenici e si stabilì in Francia, a Saint-Cloud, un sobborgo di Parigi. Nel 1928, suo zio Louis Mountbatten, lo invitò nel Regno Unito per frequentare la Cheam School, vivendo con la nonna Vittoria Alberta d’Assia a Kensington Palace e con lo zio Giorgio Mountbatten a Lynden Manor. Era senza un soldo, senza un titolo e senza speranze.

Sua madre fu ricoverata in una casa di cura dopo che le era stata diagnosticata la schizofrenia, mentre il padre si stabilì a Montecarlo e sperperò i soldi di famiglia nei casinò di mezza Europa. Le sorelle si trasferirono in Germania, e tre su sposarono gerarchi nazisti. Il giovane Filippo si reca poi a studiare in Germania. Ma con la salita al potere del nazismo, il fondatore ebreo della scuola, Kurt Hahn, fu costretto alla fuga e ad aprire una nuova scuola a Gordonstoun, in Scozia, seguito proprio da Filippo.

Lasciò Gordonstoun nel 1939, per entrare nella Royal Navy, diplomandosi l’anno successivo come miglior cadetto del suo corso e fu assegnato alla scorta della Principessa Elisabetta d’Inghilterra, figlia del Re Giorgio VI. Elisabetta, che ha solo 13 anni ed è cugina di terzo grado di Filippo, se ne innamorò e i due iniziarono un sempre più intenso scambio di lettere.

E’ nell’estate del 1946 che il Principe Filippo chiese al Re d’Inghilterra la mano della figlia, e il fidanzamenti fu ufficializzato nel ventunesimo compleanno di Elisabetta, il 19 aprile.

Filippo ed Elisabetta II si sposarono presso l’Abbazia di Westminster il 20 novembre 1947. Matrimonio per il quale dovette rinunciare al suo cognome per diventare Windsor, alla sua fede ortodossa per diventare anglicano. Dichiarò che la sua vita aveva da quel momento un solo scopo: non deludere mai sua moglie, stando sempre tre passi indietro. E per Elisabetta sarà sempre la sua roccia. Dopo che la coppia ebbe preso residenza a Clarence House, la regina diede alla luce Carlo ed Anna.

Alla fine di gennaio del 1952 Filippo ed Elisabetta II iniziarono un tour nel Commonwealth e il 6 febbraio, mentre la coppia si trovava in Kenya, il padre di Elisabetta, Giorgio VI, morì. Come consorte della Regina, a Filippo fu richiesto di continuare a supportare la moglie nei suoi obblighi di Sovrano, accompagnandola alle cerimonie, alle cene di Stato e nei viaggi all’estero ed in patria.

Filippo decise così di dedicarsi alla causa delle relazioni tra uomo e ambiente, diventando patrono di un numero altissimo di organizzazioni su questo tema. Nel 1961 divenne  presidente per il Regno Unito del WWF; Presidente Internazionale sempre del WWF dal 1986 e Presidente emerito dal 1996.

Sofferente al cuore sin dal 1992, nell’aprile del 2008 Filippo fu ricoverato al King Edward VII Hospital per la cura di un’infezione polmonare, dalla quale si riprese velocemente.

All’età di 90 anni partecipò alle nozze del nipote William del Galles con Kate Middleton, ancora una volta al fianco della sua regina.

Nel maggio 2017, a 96 anni, annunciò il suo ritiro dalla vita pubblica, ma ciò non gli impedì di prendere parte l’anno seguente alle nozze del nipote, il principe Harry con Meghan Markle.

A gennaio 2019 ebbe  un incidente d’auto, senza gravi conseguenze ma decise di restituire la patente, Si ritirò in un piccolo cottage di Sandringham, dove la regina andava a trovarlo, quindi prese la decisione di trasferirsi con lei a Windsor.  Nelle ultime settimane era stato ricoverato in ospedale per un intervento al cuore, che sembrava aver superato senza problemi nonostante l’età.

Ha sempre avuto un pessimo rapporto con la stampa anglosassone ed era praticamente impossibile intervistarlo. E’ stato anche un discreto pittore, campione di vela, di polo e delle amate gare sulle carrozze a cavalli. Ha pilotato 59 tipi diversi di aerei con cui ha trasvolato il Pacifico.

Paola Montonati

Per info scrivere a: redazione@personalreporternews.it
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: