Recensione: “La Favola Del Pozzo Arcobaleno”

Recensione: “La Favola Del Pozzo Arcobaleno”

Il racconto fantastico “La Favola del Pozzo Arcobaleno” è un libro che affronta il tema dell’autismo nella più totale semplicità e leggerezza grazie ai suoi personaggi.

Derek e i gemelli Liam e Colin sono tre fratelli venuti al mando da un Re e una Regina tanto desiderosi di diventare genitori, fino a quando però, dopo la loro nascita, i consiglieri del Regno, vedendo che i tre nascituri erano circondati un’insolita aurea blu che li faceva essere diversi da tutti gli altri bambini, stabilirono che il Re e la Regina  erano stati colpiti da una maledizione.

I sovrani, avviliti, a quel punto interpellarono maghi e fate ma solo l’intervento della Fata Arcobaleno alla fine riuscirà ad aiutare i piccoli principi, i quali, dopo aver sostenuto avventurose prove e sfide, con il sostegno di altri 10 bambini puri di cuore come loro, finalmente riusciranno a raggiungere il regno del pozzo dell’Arcobaleno.

Restando uniti, con il Tempo, la Pazienza e con Amore, possiamo superare ogni avversità al punto di scoprire che L’aurea blu può anche non essere vista come una maledizione, ma SOLO UNO DEI TANTI COLORI CHE DANNO VITA ALL’ARCOBALENO.

Questa emozionante favola è stata pensata e scritta da quattro meravigliose donne che attraverso la loro esperienza hanno saputo cogliere gli aspetti più importanti di un tema così complesso, e per certi versi ancora a molti sconosciuto, come il disturbo dello spettro Autistico.

Il libro, il cui ricavato sarà devoluto alle associazioni Ants onlus per l’Autismo e Gruppo Asperger Veneto, nasce con l’intento di trasmettere un messaggio importante e per questo merita di essere letto da grandi e piccini: “insieme si può” & “siamo tutti meravigliosamente diversi”.

Illustrazioni di Arianna D’Iorio

Testi di Monia Gabaldo

Progetto grafico di Artecopia Villafranca

Correttrice di bozze Sofia Cappellari

Recensione di Pamela Romanello

Redazione

Un pensiero su “Recensione: “La Favola Del Pozzo Arcobaleno”

I commenti sono chiusi.