Sassocorvaro Auditore: l’itinerario Romantico nella provincia di Pesaro Urbino

Sassocorvaro Auditore: l’itinerario Romantico nella provincia di Pesaro Urbino

Capoluogo del Comune di Sassocorvaro Auditore (dal 1/1/2019), é un borgo sviluppatosi attorno alla ROCCA UBALDINESCA che si erige su un colle che domina la Valle del Fiume Foglia.

La Rocca – opera dell’architetto militare senese Francesco di Giorgio Martini chiamato da Federico da Montefeltro ne 1474 a fortificare il Ducato di Urbino – e il Borgo di Sassocorvaro, furono luogo di scontri militari tra i Malatesta ed i Montefeltro costellati da saccheggi e distruzioni, sino a quando Federico da Montefeltro sconfisse definitivamente, nella battaglia del Cesano, Sigismondo Pandolfo Malatesta.

Nella Rocca di Sassocorvaro – grazie al professor Pasquale Rotondi, all’epoca Sovrintendente dei Beni Culturali a Urbino – vennero salvate, nascondendole per proteggerle dalla guerra e dai bombardamenti, circa 10.000 opere d’arte, i grandi capolavori dell’arte italiana.

Ma Sassocorvaro, oltre alla Rocca ed a questa fantastica storia d’amore, di passione e di coraggio per la salvezza del nostro patrimonio artistico, é veramente un luogo romantico.

Anzi è la Città dell’Amore!!! Qui, nell’Oratorio della Santissima Trinità, sono custodite le reliquie del Patrono degli Innamorati San Valentino.

Circa a metà di una lunga, stretta e molto caratteristica scalinata che dalla Rocca Ubaldinesca conduce alla parte più bassa del borgo (da cui si può ammirare il panorama – bellissimo e a dir poco romantico – del lago di Mercatale) si trova, con una semplice facciata in laterizio, l’Oratorio della Santissima Trinità.

Fu eretto nel 1722 dall’Abate Gaspare Fabbrini su licenzia del Vescovo di Urbania, Castelli. Da un inventario notarile del 1727, conservato in forma autentica nella curia vescovile di Urbania, si documenta la dote di reliquie in possesso dell’oratorio tra cui il corpo di San Valentino martire prete romano (cranio ed altre ossa) con autentica del Vescovo agostiniano Pietro Alberto Ledron del 1696.

Insomma i resti del Santo martire prete romano giunsero a Sassocorvaro in un’urna sigillata e con documenti ufficiali ed autenticati. La storia della reliquia di San Valentino martire è documentata, inoltre, dall’autentica rilasciata il 27 ottobre 1747 dal Vicario Apostolico di Urbania e Sant’Angelo in Vado Eustachio Carotti.

E Sassocorvaro festeggia la festa di San Valentino il 14 febbraio con visite guidate all’Oratorio della S.S.ma Trinità e, durante la festa che si protrae per diversi giorni, si organizzano tante iniziative (spettacoli teatrali, eventi enogastronomici – la cena a lume di candela – e la «Benedizione degli Innamorati»).

Nel borgo di Sassocorvaro la “Passeggiata degli innamorati”, con la via degli incontri, la fontana dell’amore e la scalinata degli amanti oltre all’Oratorio di San Valentino, costituisce la perfetta scenografia per vivere romanticamente una storia d’amore.

E il panorama – da qui – è veramente affascinante con il lago di Mercatale (un invaso artificiale originato dalla costruzione, negli anni ’50, di una diga sul fiume Foglia) che rappresenta un’oasi di pace, tranquillità e… bellezza.

Per la guida completa cicca quì 

Maggiori informazioni: lemarchediurbino.it – RIVIERA INCOMING T.O. Strada delle Marche, 58 – 61122 Pesaro (PU) Tel. 0721/698223, pesaro@rivieraincoming.net, rivieraincoming.net

Facebook: Confcommercio Marche Nord – Confturismo Pesaro e Urbino – Itinerario Archeologico – Itinerario della Bellezza – Itinerario delle Rocche – Itinerario Romantico 

Instagram: itinerario_della_bellezza itinerario.romantico itinerario.archeologico

Riccardo Reina

Riccardo Alessandro Reina

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: